Info & Prenotazioni06.3207025 – 06.3210718 – 06.3241746

Cos’è l’Anoftalmo

Per anoftalmo si intende la mancanza di un occhio che può essere di natura congenita o acquisita. L’anoftalmia acquisita può essere secondaria a:

  • incidenti: domestici, automobilistici, di gioco, ecc.
  • incidenti sul lavoro: schegge di metallo o legno, cadute, ecc.
  • tumori: melanoma, retinoblastoma
  • malattie oculari: esiti di trombosi, glaucoma, distacco di retina, infezioni, ecc.

Nel caso di malformazioni congenite si parlerà di anoftalmo o microftalmo in base all’osservazione clinica.

anoftalmo
Per quanto concerne le cause di queste malformazioni che vengono raggruppate sotto il temine unico MAC: Microftalmia, Anoftalmia, Coloboma, si ritiene che 2 casi su 3 abbiano natura genetica, e dunque siano congeniti, ossia presenti sin dalla nascita.

Anoftalmo congenito

L’ anoftalmo congenito è la totale assenza del bulbo oculare in presenza degli annessi oculari (palpebre, congiuntiva e apparato lacrimale).

Microftalmo

Il termine di microftalmo identifica la presenza alla nascita di un occhio con una lunghezza assiale inferiore a 17 mm (la misura di riferimento alla nascita). Una volta fatta la diagnosi, se non è possibile ottenere un recupero visivo, è necessario instaurare un programma di riabilitazione orbitaria precoce, in modo da evitare l’instaurarsi di un microrbitismo (orbita piccola).
Il programma riabilitativo prevede l’inserimento di protesi oculari di grandezza crescente e deve essere adattato ad ogni caso clinico con tempi e cadenze personalizzati.

Anoftalmo: quali risultati si possono ottenere?

Il bambino viene controllato periodicamente dopo l’applicazione della protesi: il chirurgo valuta la tolleranza della stessa sull’occhio microftalmico, avendo cura di ispezionare la cornea del piccolo occhio e la congiuntiva rimuovendo la protesi stessa.
In caso di anoftalmia congenita sono utilizzate protesi su misura per ogni bambino che devono essere sostituite ogni 15 giorni nei primi due mesi di vita. Per i sei mesi successivi sarà sufficiente sostituire la protesi una volta al mese. In seguito il programma riabilitativo verrà adattato ad ogni caso clinico con tempi e cadenze personalizzati.